Perché un Brand sceglie la Mascotte per comunicare

Simpatiche e colorate, le Mascotte sono un modo divertente e d’impatto per comunicare i valori del Brand.

Molti Brand associano la propria immagine e la propria comunicazione a dei personaggi stravaganti, colorati e divertenti: le mascotte. Questi sono personaggi che, in molti casi, esprimono i valori del Brand che rappresentano.
È un modo divertente,  semplice, coinvolgente e interattivo per comunicare e interagire con il proprio pubblico.

Che ruolo attribuire alla Mascotte

La scelta di una mascotte è una fase molto delicata, è necessario effettuare delle accurate analisi e soffermarsi sul target di riferimento, i valori che si vogliono veicolare e la tipologia di comunicazione che si vuole adottare.

L’obiettivo principale della creazione di una mascotte è quello di entrare in comunicazione con il pubblico perciò è fondamentale scegliere un personaggio che piaccia, che sia simpatico e con cui il pubblico possa entrare in empatia e quindi interagire.
Si deve creare un personaggio con una personalità ben costruita in linea con il tono di comunicazione che si vuole utilizzare.
Creare mascotte troppo esuberanti potrebbe produrre  un effetto contrario generando antipatia e fastidio e, così facendo, allontanare il pubblico.

Nell’era della comunicazione digitale, le imprese utilizzano i canali social per relazionarsi e promuovere i propri prodotti al pubblico.

Alcuni Brand scelgono di affidare la comunicazione direttamente al personaggio con l’apertura di Pagine Facebook dedicate, mentre in altri casi la mascotte si rivela un’ottima alleata per definire l’identità del Brand, distinguersi dagli altri con una comunicazione originale e d’impatto sul pubblico.

Il caso Carletto

Sofficini, ad esempio, affida la sua pagina Facebook a Carletto, la simpatica lucertolina sempre affamata che fa del leitmotiv “Tu non hai fame?” una delle sue caratteristiche principali.

La Pagina non riporta il nome del Brand Sofficini, ne tantomeno Findus, ma solo quello di Carletto che con una comunicazione molto leggera ed immediata racconta le proprie vacanze, risponde e scherza con gli utenti proprio come se stesse gestendo il suo profilo in prima persona.

 

Il caso Mr Red & Mr. Yellow

Strategia diversa invece è adottata dalla pagina di M&M’s Italia. In questo caso il prodotto stesso, umanizzato, è diventato la mascotte.
Le due mascotte principali, su cui si poggia tutta la comunicazione, sono Mr. Red e Mr. Yellow; la prima più seria, furba e scaltra, la seconda più goffa ed esuberante.
Oltre a Red e Yellow, vengono, saltuariamente, inseriti nella comunicazione social di M&M’s, anche altri confetti colorati, ognuno con la propria personalità: Blu lo spavaldo, Green la romantica, Orange l’ansioso, Brown l’intellettuale.

A differenza di Sofficini con Carletto, non sono Red & Yellow a “gestire” direttamente una propria Pagina Facebook, ma in questo caso la Pagina del Brand ospita questi personaggi costruendo simpatici e colorati visual con le peculiarità delle personalità dei personaggi.

 

    

L’utilizzo di una mascotte è un valore aggiunto per un Brand perché aiutano ad interagire e a relazionarsi con il proprio pubblico. Usare una mascotte, infatti, aiuta ad alleggerire i toni e ad aumentare l’interazione. 

Da un recente studio firmato Synthesio emerge che questi personaggi fantastici riescono ad instaurare maggiori relazioni con i clienti che si sentono meno in soggezione nei confronti del Brand e sono più propensi all’interazione. Ma non solo, le mascotte aiutano a rendere facilmente riconoscibile il  prodotto, ad evidenziare i lati positivi del Brand guidando nella scelta d’acquisto e aumentano la condivisione dei contenuti. Pensateci quando ne vedete uno.

Questo articolo è stato scritto daVeronica MorettiLaureata in comunicazione e marketing, mentre cerco di trovare il mio posto nell’affascinante mondo della comunicazione seguo il mantra: “Sii seria ma non prenderti seriamente”. Amo guardare i programmi di cucina mangiando e cucinare torte.
TI POTREBBE PIACERE
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail