Cos’è il Personal Branding e come farlo?

Personal Branding Italia: tutti ne parlano e tutti credono di farlo bene. Ma sappiamo davvero di cosa si tratta e quali …

Personal Branding Italia: tutti ne parlano e tutti credono di farlo bene. Ma sappiamo davvero di cosa si tratta e quali dovrebbero essere i primi passi da fare? 

Il primo a usare questo termine fu Tom Peters, grande esperto di management americano, nel suo articolo “Brand called you”, pubblicato oltre vent’anni fa, quando ancora non si conoscevano tutte le potenzialità e le opportunità del web. Ripeteva: “You’re branded, branded, branded, branded.”

Qual è la definizione di Personal Branding?

Il Personal Branding è un processo con cui un individuo si mostra in maniera unica e riconoscibile, creando un’immagine-marchio di sé che rispecchia una missione, un universo di valori e uno stile comunicativo ben determinati. 

In poche parole, dovremmo vederci e agire come un vero e proprio brand, capace di diventare una garanzia di fiducia e valore per chi comincia a conoscerci. 

Non si tratta di un processo facile e automatico, anzi richiede un’attenta pianificazione – un progetto che comprende la scelta delle piattaforme e attività più adatte – ma anche un pizzico di spontaneità. Ogni caso è diverso dall’altro, ma la coerenza deve essere sempre il tratto fondamentale della strategia. 

Investire nel tuo Personal Brand sul web adesso è fondamentale per farti trovare dai tuoi potenziali clienti e per alimentare le relazioni con gli appassionati del tuo settore e i tuoi nuovi contatti. 

Quali sono i primi passi da fare per impostare una strategia di Personal Branding?

Come abbiamo già detto, la spontaneità è un tratto molto importante per risultare credibili verso il pubblico. Fingersi sempre qualcuno che non si è è sfiancante, non trovi? Inoltre correresti il rischio di incorrere in scivoloni di coerenza e danneggiare la tua immagine e la tua reputazione.

È necessario partire da un progetto più articolato, che sia stato formulato sulla tua persona e sulla tua mansione con una visione a lungo termine. 

Dopo una Discovery Call propedeutica a capire se ci sono le condizioni per lavorare insieme, la nostra metodologia di lavoro prevedere la definizione della Strategia di progetto in 4 fasi:

1. Intervista alla Persona, per approfondire ciò che è emerso nella Discovery Call, le attività già svolte e individuare le potenzialità di sviluppo del progetto. 

2. Analisi del mercato di riferimento e dei competitor. Questa parte è fondamentale per individuare i trend del mercato e le best practice messe in atto dai concorrenti, sulle quali poter ragionare insieme. 

3. Brainstorming. In questo passaggio si ragiona insieme su quale direzione dare al Personal Concept della strategia di Personal Branding – ovvero su quali valori focalizzarci, a quale target rivolgerci e quale tone of voice utilizzare. Inoltre si definiscono qui gli obiettivi e il budget necessario a raggiungerli. 

4. Dopo quest’ultimo allineamento, procediamo poi internamente nella strutturazione della strategia, con la definizione del concept, dell’identity e della content strategy, che comprende anche la selezione delle piattaforme da presidiare e le attività necessarie. 

Un processo che può sembrare molto lungo, la consegna del documento strategico avviene dopo un mese e mezzo circa, ma non troppo per definite tutti i dettagli del progetto di Personal Branding da attuare. Dopo di che, il Cliente potrà scegliere se mettere in atto da solo i suggerimenti contenuti nella strategia, se avvalersi del supporto dei nostri professionisti o quello di un’altra Agenzia. 

Se vuoi intraprendere questo percorso prenota una Discovery Call.  

Questo articolo è stato scritto daAndrea CarnevaliSociologo, sviluppo competenze nel Marketing Strategico e nella Comunicazione Pubblicitaria. Dal 2008 affianco Brand nazionali e internazionali nel mondo della Comunicazione e nel 2011 fondo Republic+Queen. Sono Co-Founder di Wannabe, Agenzia di Comunicazione specializzata in Strategia e Advertising.
TI POTREBBE PIACERE
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail